Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

Giovanni Segantini: un pittore che ho sempre ammirato

UtenteMessaggio

19:14
15 marzo 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

Giovanni Segantini, il maggiore pittore divisionista italiano, nasce ad Arco in provincia di Trento il 15 gennaio 1858.

Dopo un’ infanzia difficilissima, dal 1878 al 1879 frequenta corsi regolari all'Accademia di Brera, segue le lezioni di Giuseppe Bertini e stringe amicizia con Emilio Longoni, allora aspirante pittore come lui.

Nell'ambito accademico il “Verismo Lombardo” va per la maggiore e le prime opere di Segantini risentono di questa influenza.

Durante l'Esposizione Nazionale di Brera del 1879, viene notato dalla critica milanese, incontra il pittore ungherese  Vittore Grubicy, che ne intuisce il talento e col quale instaura un rapporto d'amicizia.

Nel 1880 si sposa e si trasferisce con la moglie a Pusiano in Brianza, dove dipinge con il sostegno finanziario di Vittore Grubicy che con il fratello si occupa del mercato dell'arte.
Per alcuni anni Giovanni Segantini vive in Brianza, spostandosi alla ricerca di nuovi paesaggi che riprende con Emilio Longoni, stipendiato come lui dai Grubicy, con la cui organizzazione sottoscrive, nel 1883, un contratto esclusivo.
Nelle opere del periodo brianzolo i soggetti preferiti di Giovanni Segantini riguardano la vita agreste, il lavoro nei campi, il pascolo, la tosatura e la filatura, nello sforzo artistico di liberarsi dell'impostazione accademica per trovare uno stile personale.

All’Esposizione Internazionale di Amsterdam gli viene assegnata la medaglia d’oro per la prima versione del dipinto “Ave Maria a trasbordo” e, nell’autunno del 1885, inizia quello che rimarrà forse il suo quadro più conosciuto, “Alla stanga”.

Zampognari

Alla stanga

Spinto dal gallerista Grubicy,  inizia il progressivo avvicinamento alla tecnica divisionista, prima con alcune sperimentazioni ed in seguito con un'adesione totale, affinando, nello stesso tempo i suoi interessi culturali collaborando anche a riviste d'arte.


Dal 1889 Giovanni Segantini si avvicina al “Simbolismo”e le sue opere hanno per oggetto vere e proprie allegorie, sempre più legate agli esempi nordici. 

Ammiratore dei divisionisti francesi, applica in modo originale questa tecnica ai suoi dipinti, che assumono la caratteristica luminosità cristallina.

In molti dipinti di Giovanni Segantini degli anni '90, appare evidente il Simbolismo che alla fine del secolo si affermerà in Europa aprendo le porte all'Art Nouveau del nuovo secolo.

Cattive madri


dmk

20:33
15 marzo 2009


franco

Ospite

l'angelo della vita

f

21:16
15 marzo 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

Angelo luminosissimo, quasi un “gioco” di trasparenze: un' icona.

dmk

21:41
15 marzo 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

dmk



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 170

Attualmente online:
24 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)