Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

Materiale canino sacrificabile

UtenteMessaggio

08:33
4 febbraio 2011


OmarBunfai

Ospite

 

 

Ci sono notizie in minuscolo, tra le ridondanti colonne dei giornali italiani piene di Maiuscole, che valgono come ponderosi saggi per capire in che razza di guazzabuglio senza princìpi e valori, stiamo vivendo nella nostra attuale società globale.

La notizia è quella di cento cani husky ammazzati in Canada perché “inutili”.

Erano operai in esubero, giovani precari, cassintegrati cronici: usati come cani da slitta durante le Olimpiadi invernali, a causa del calo dei turisti non producevano più profitto.

Divenuti solo voci in perdita del bilancio, le due società che li gestivano ne hanno ordinato la soppressione: a fucilate e a coltellate.

Un canicidio perpetrato per algide e bieche ragioni di profitto, non per sfamarsi o perché quei poveri animali fossero malati, no, solo per PROFITTO.

Una strage evitabile con un annuncio sui giornali o una ricerca presso canili e associazioni animaliste; un’assurda carneficina inutile come è inutile l’uomo senza la natura e glia animali, come è superfluo quest’uomo globalizzato senza rispetto per niente.

 

Certo il rapporto tra l’uomo e l’animale è stato sempre speculativo, ma gli Indiani d’America e penso alla cultura del bisonte dei Sioux della pianura, ci hanno insegnato che uomini e animali sono figli della stessa Madre Terra.

Certo anche per i Sioux gli animali erano bestie da soma, da traino, da lavoro, da cibo, da vestito.

Grazie alla loro civiltà superiore riuscirono a creare con le bestie, uno spirito comunitario – non sempre e solo legato alla convenienza- che aveva le sue radici nella comune appartenenza alla natura.

Noi e gli animali siamo fatti della stessa natura, della stessa vita.

E meritiamo lo stesso rispetto.

E’ infatti noto che con i Sioux, nonostante le rituali uccisioni in momenti stagionali appropriati, che prevedeva il rispetto per le femmine incinte e i giovani esemplari, la popolazione dei bisonti si moltiplicò in un millennio, mentre i bianchi capitalisti li portarono vicino all’estinzione nel giro di un secolo.

Quei bianchi sono dei bestemmiatori prima che degli sfruttatori, e anche se ho il colore della loro pelle, rinnego quel criminale DNA.

 

Spero che la Madre Terra presenti presto la resa dei conti a quei sacrileghi che hanno inventato l’orrore dei carnai degli allevamenti intensivi, la vivisezione e le mattanze per far pellicce inutili come le pseudo donne che le indossano.

 

Non può esserci pietà per chi abbatte dei cani indifesi per un pugno di dollari.

La bestemmia al Sacro non può diventare un’oscena abitudine.

21:34
4 febbraio 2011


admin

Amministratore

messaggi3520

Assolutissimamente d' accordo con ogni SINGOLA parola.

dmk

21:49
4 febbraio 2011


Manfredi

Ospite

che figura da schifezza ci fa l' uomo! ogni giorno di più. é come se avessimo perso tutto il bello che c' era ed era sentito nelle civiltà più antiche, la concezione della natura da rispettare, amare e onorare, persi come siamo a correr dietro a fantasmi puzzolenti… 

vivere in comunione con la natura e le sue creature é un concetto, un modo di vivere definitivamente tramontato. questa é pura e semplice barbarie. alla faccia della nostra tanto sbandierata "civiltà". é vero che la Scienza ha migliorato la vita, debellando malattie, scoprendo vaccini ecccc, ma ce lo domandiamo che fine ha fatto il "resto"? é stato sacrificato. domanda: ne valeva la pena? brutta domanda, suppongo. legata com' é al nostro semplice "esistere". ma esistere, forse, non basta.

01:37
5 febbraio 2011


stella1

Ospite

Pensate che strano ci sono persone che amano talmente i loro animali che

sacrificano parte della loro pensione minima per curarli,amarli.

Conosco un vecchietto che ogni mese viene a comperare l'insulina per il suo cane diabetico. Credetemi, nonostante lo sconto, per la sua magra pensione è un bel salasso.

Poi ci sono gli esagerati che spendono fior di euro per comperare il cappottino firmato.

Forse c'è una via di mezzo per rispettarli ed amarli questi animali creati per vivere con dignità accanto all'uomo.

Che tristezza , ancora non abbiamo capito che non si può continuare a sfruttare e poi abbandonare tutto quello che ci serve in quel momento.

Prima o poi la natura e gli animali si ribelleranno e allora saranno guai seri per noi esseri dotati di INTELLIGENZA(?).ConfusedConfusedConfused

16:47
5 febbraio 2011


admin

Amministratore

messaggi3520

Parlando di NATURA, non si può fare a meno di citarlo:

Henry David Thoreau, Walden, vita nei boschi

Walden, ovvero La vita nei boschi è il resoconto dell'avventura dell'autore, Henry David Thoreau, che dedicò due anni (1845-1847) della propria vita nel cercare un rapporto intimo con la natura e insieme ritrovare sé stesso in una società che non rappresentava ai suoi occhi i veri valori da seguire, ma solo l'utile mercantile.

Il suo fu un esperimento, il suo obiettivo era quello di voler cercare la conciliazione dell'artista nel mondo naturale grazie all'ottimismo del vedere l'uomo come artefice del proprio destino e come essere dipendente da sensazioni ed emozioni.

"Solo quando ci siamo perduti, in altre parole, solo quando abbiamo perduto il mondo, cominciamo a trovare noi stessi, e a capire dove siamo, e l'infinita ampiezza delle nostre relazioni."

Henry David Thoreau, da Walden

dmk

16:52
5 febbraio 2011


admin

Amministratore

messaggi3520

Hai ragione, Stella. A parte i soliti "esagerati", ho conosciuto anch' io persone che si sacrificano per dare il necessario ai propri animali. Conoscevo un signore anziano, in pensione e con pensione piccola piccola, con un cane cardiopatico: le medicine costavano un sacco, ma non gliele ha mai fatte mancare, stringeva la cinghia lui, il padrone-amico. Eh, sì! gli animali danno tanto, danno se stessi come gli uomini (intelligenti come sonoYell) non sono capaci di dare…

dmk

20:39
8 febbraio 2011


Manfredi

Ospite

e, per contro, ci sono disgraziati fetentissimi che ne fanno di tutti i colori ai pets…

é una cosa che mi fa im-bestialire

mi strozzo dalla rabbia

sono solo in-civili, ignorantissime, grette, limitatissime persone che non saprebbero riconoscere fedeltà, amore, sincerità neanche se ci facessero il bagno dentro.

18:55
13 febbraio 2011


admin

Amministratore

messaggi3520

Amen.

dmk



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 783

Attualmente online:
14 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)