Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

UtenteMessaggio

14:31
16 febbraio 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

Fantasticheria da Vita dei campi, 1880

La novella, la prima della raccolta, funge in un certo modo da introduzione a Vita dei campi e ha inoltre una funzione “programmatica” per quanto concerne l' opera verghiana.

Rievoca un dialogo ideale tra il narratore ed una sua amica francese che, insieme a lui, osserva la vita di paese di Aci Trezza. Il primo momento di romantica illusione della donna la porta a soffermarsi sulle bellezze del paese. Dopo un giorno, però, la donna si rende conto della monotonia della vita dei paese e della sua società. Riparte quindi da Aci Trezza, dove a dire il vero aveva pianificato di fermarsi per un intero mese.

Il narratore, dal canto suo, cerca di spiegare alla donna quali sono le caratteristiche della vita di Aci Trezza, cercando di superare le prime superficiali impressioni e presentando il punto di vista della povera gente che vi abita, indispensabile per capire la natura del posto. Fondamentale è il fatto che in questo villaggio di pescatori è praticamente impossibile sopravvivere senza l'appoggio dei compaesani (concetto dell' ostrica).

“…… mi è parso ora di leggere una fatale necessità nelle tenaci affezioni dei deboli, nell'istinto che hanno i piccoli di stringersi fra loro per resistere alle tempeste della vita, e ho cercato di decifrare il dramma modesto e ignoto che deve aver sgominati gli attori plebei che conoscemmo insieme. Un dramma che qualche volta forse vi racconterò, e di cui parmi tutto il nodo debba consistere in ciò: – che allorquando uno di quei piccoli, o più debole, o più incauto, o più egoista degli altri, volle staccarsi dai suoi per vaghezza dell'ignoto, o per brama di meglio, o per curiosità di conoscere il mondo; il mondo, da pesce vorace ch'egli è, se lo ingoiò, e i suoi più prossimi con lui. – E sotto questo aspetto vedrete che il dramma non manca d'interesse. Per le ostriche l'argomento più interessante deve esser quello che tratta delle insidie del gambero, o del coltello del palombaro che le stacca dallo scoglio.”

dmk

16:21
16 febbraio 2009


Rose

Ospite

Interessante, daniela, in questo racconto, il divario fra questa signora dell'alta società ed il mondo rurale del paesino siciliano di pescatori. Lei è affascinata, in un primo tempo,  da quel mondo apparentemente pittoresco, ma ne fugge via annoiata, dopo due giorni,  chiedendosi come si possa vivere lì, tutta la vita.

Gli abitanti di Aci Trezza sono come le osptriche attaccate ad uno scoglio: finchè stanno lì, sopravvivono in qualche modo, ma se se ne distaccano, muoiono. E' gente di mare, abituata ad una vita difficile: "hanno la pelle più dura del pane che mangiano, quando lo mangiano".

In questo racconto, il Verga idealizza ancora il mondo rurale e lo presenta come vero, in contrasto con la falsità del mondo borghese. I personaggi sono comunque degli sconfitti; non a caso, alcuni verranno ripresi e rielaborati nei successivi "Malavoglia".



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 783

Attualmente online:
6 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)