Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

all'autogrill, illuminazione sulla via di Damasco

UtenteMessaggio

17:42
25 febbraio 2009


franco

Ospite

L'autostrada lo stava risucchiando con la ritmica e ipnotica raffica dei  bianchi tratteggi..
Monotona e ansiosa come la sua esistenza.
Fu però l'irrompere della fisicità con le sue immutabili leggi, che diede una svolta alla sua vita.
Fu una “chiamata” improvvisa e un'illuminazione totale.
Insomma, la caduta del suo cellulare nel cesso dell'autogrill lo segnò e lo mutò profondamente.
Colse in quell'evento un segno inequivocabile di come la loro storia fosse invisa agli dei. Infatti stava appunto inviandole il solito messaggino di controllo, quello che ad intervalli prefissati aveva l'obbligo di inoltrarle, quello con le frasettine che a lei piacevano tanto, quando, distrattosi un istante, a causa dell'ultimo intoppo della cerniera , si fece sfuggire l'infido oggettino dalla mano con cui, abilmente certo, ma troppo precariamente, le stava scrivendo.
Terribile sapete?
Per un attimo restò a fissarlo, macchia scura e indistinta, oltre il liquido schiumoso e l'acciaio del water, ma si trattenne in tempo vincendo contemporaneamente il disgusto e l'impulso di chinarsi a raccoglierlo e si sforzò invece, come negli ultimi tempi faceva sempre più frequentemente, di trovare un senso simbolico e profetico a questa imprevedibile circostanza.
Ecco, la realtà era questa: in quel magico ed incantato stagno s'era dissolto tutto, tutto cancellato, niente più dati, niente più rubrica, con decine e decine di presenze quasi tutte fastidiose scomparse per incanto; ma soprattutto niente più ingorda presenza di lei, l' Elvira adorata e temuta.
Ricordava le sue prime querule richieste: “Perché non m'hai scritto? Potevi almeno mandarmi un messaggino, no?” E così lui, inopinatamente, aveva iniziato a farlo, ad intervalli d'una frequenza ossessionante, frasi sempre “originali”, perché lei non avrebbe accettato “taroccamenti” di alcun genere; lui allora, dopo un po', aveva provato a virare sulla formuletta, qualcosa come un complice segnale, magari breve, del tipo: ” ora… tu, io e null'altro” Carino, no? Oltretutto breve, ma lei non aveva gradito, voleva che la pensasse in diretta, che la vedesse lì, presente, sorridente, implacabile, voleva…
Arretrò: Lo sciacquone cantò la sua lugubre presa di possesso con un trionfale sciabordio e allora con passo deciso e allegro tornò al bancone e si sparò uno strudel con cappuccino, alla faccia del dietologo e nel passare per il market, prima di raggiungere la cassa, si appropriò d'un gigantesco barattolo d'anacardi, che per lui rappresentava il massimo della trasgressione gastronomica.
Uscì e ripercorse i pochi metri che lo separavano dalla sua auto e qualcuno giurò che lo avesse fatto canticchiando.Alla colonnina del carburante, l'uomo con la pompa in mano si volse esterrefatto verso il cielo piovoso, poi gli lanciò una strana occhiata quando lo sentì esclamare: “che splendida serata, vero?”

f

17:53
25 febbraio 2009


Gio

Ospite

Franco, un racconto che si legge volentieri, infatti quando non c'è amore ma solo "passatempo" , questa liberazione, inattuale ma folgorante, di un peso divenuto ormai ossessione, non può che ridarti la gioia della libertà…dall'Elvira. Io colgo questa interpretazione.

Ciao, gio

18:00
25 febbraio 2009


franco

Ospite

caro Giò,

hai colto esattamente ciò che intendevo suggerire.

Grazie della tua sempre gradita attenzione.

Un saluto cordialissimo e un abbraccio,

fLaugh

18:13
25 febbraio 2009


sandra

Ospite

ah!ah!ah!zietto, che f…orza! Uno sciacquone davvero provvidenziale. Forse non è il modo più romantico di liberarsi di qualcuno, ma a volte è il destino a dettare le regole. Vita nuova dunque per il tuo eroe. Un Mattia Pascal dei nostri tempi. Smile

18:52
25 febbraio 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

le vie della Provvidenza sono proprio… infinite!Laugh

racconto gustoso e liberatorio, che con tono soft e autoironico allude alle "schiavitù" di cui il libero uomo moderno è pur sempre vittima consapevole.

Grazie, Franco.

dmk

04:24
26 febbraio 2009


franco

Ospite

grazie a voi Sandra e Daniela.

un "vecchio" raccontino al cui ottimistico risvolto non crede in fondo nemmeno il protagonista.Smile

Penso che le decisioni debbano maturare nella consapevolezza e non certo nella casualità.

Un piccolo divertissement senza altra pretesa che il sorriso con cui benevolmente è stato da voi accolto.

f

20:09
26 febbraio 2009


Filippo

Ospite

sorrido… e immagino oltre. Metti che, per una bizzarria sim-patica, il contatto della scheda con l'acqua avesse innescato la chiamata verso la dolce Elvira: sarebbe stata "investita" dallo sciacquone, immaginando magari, chissà, un tuo tradimento sotto le cascate delle Marmore.

Vabbè vabbè… meglio lo strudel col cappuccino Embarassed

20:59
26 febbraio 2009


Rose

Ospite

Cribbio! direbbe qualcuno. Smile Se il tuo eroe fosse già pentito del 'folle' gesto casuale, caro Franco, eccco la mappa per ritrovare il cell. prima che l'impianto di riciclaggio lo trasformi in chissà cosa:

Una delle mie cocorite si chiama Elvira. E' la più 'tosta'. E' finita tra le grinfie del gatto del vicino ed è sopravvissuta. Altre due volte la gabbia è caduta, ma lei è rimasta aggrappata all'asticella in attesa dei soccorsi.

Le Elvire sono tenaci. Smile

07:41
27 febbraio 2009


sandra

Ospite

Evviva la Elvira, allora!

A volte, queste coppie sono dette "inseparabili". Ah!ah!ah! la fine del telefonino potrebbe non segnare la fine della relazione, zio Franco. Facci sapere come va avanti la storia. Ti dò un input: Lui legge sul giornale che lei è stata vittima di un incidente e si precipita al suo capezzale e allora…  Kiss

19:07
27 febbraio 2009


franco

Ospite

un grazie a Filippo per l'attenzione e il suggestivo… scenario proposto.Laugh

Dolcerose, una caccia al tesoro con tanto di mappa!Wink non si può dire però che lì non si trovi un “tubo”,  basta saper cercareLaugh

mmmh Sandra, riflettendoci, l'Elvira non sarà mai vittima di un incidente, lei…li provocaLaugh

Siete troppo forti…e gentili,

f

22:14
27 febbraio 2009


sandra

Ospite

Franco, falla continuare la storia, dai! In fondo, lui era schiavo del telefonino e adesso è in piena crisi di astinenza… non vedi che lo cerca febbrilmente, sente la manzanza dei messaggi… sente la manzanza di Elvira! Ah! Elvira! dove sei, Elvira!?



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 783

Attualmente online:
6 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)