Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

UtenteMessaggio

13:33
10 settembre 2009


borablu

Ospite

A thing of beauty is a joy forever

A thing of beauty is a joy for ever: 
Its loveliness increases; it will never 
Pass into nothingness; but still will keep 
A bower quiet for us, and a sleep 
Full of sweet dreams, and health, and quiet breathing. 
Therefore, on every morrow, are we wreathing 
A flowery band to bind us to the earth, 
Spite of despondence, of the inhuman dearth 
Of noble natures, of the gloomy days, 
Of all the unhealthy and o'er-darkened ways 
Made for our searching: yes, in spite of all, 
Some shape of beauty moves away the pall 
From our dark spirits. Such the sun, the moon, 
Trees old, and young, sprouting a shady boon 
For simple sheep; and such are daffodils 
With the green world they live in; and clear rills 
That for themselves a cooling covert make 
'Gainst the hot season; the mid-forest brake, 
Rich with a sprinkling of fair musk-rose blooms: 
And such too is the grandeur of the dooms 
We have imagined for the mighty dead; 
All lovely tales that we have heard or read: 
An endless fountain of immortal drink, 
Pouring unto us from the heaven's brink.

Nor do we merely feel these essences 
For one short hour; no, even as the trees 
That whisper round a temple become soon 
Dear as the temple's self, so does the moon, 
The passion poesy, glories infinite, 
Haunt us till they become a cheering light 
Unto our souls, and bound to us so fast 
That, whether there be shine or gloom o'ercast, 
They always must be with us, or we die.

Therefore, 'tis with full happiness that I 
Will trace the story of Endymion. 
The very music of the name has gone 
Into my being, and each pleasant scene 
Is growing fresh before me as the green 
Of our own valleys: so I will begin 
Now while I cannot hear the city's din; 
Now while the early budders are just new, 
And run in mazes of the youngest hue 
About old forests; while the willow trails 
Its delicate amber; and the dairy pails 
Bring home increase of milk. And, as the year 
Grows lush in juicy stalks, I'll smoothly steer 
My little boat, for many quiet hours, 
With streams that deepen freshly into bowers. 
Many and many a verse I hope to write, 
Before the daisies, vermeil rimmed and white, 
Hide in deep herbage; and ere yet the bees 
Hum about globes of clover and sweet peas, 
I must be near the middle of my story. 
O may no wintry season, bare and hoary, 
See it half finished: but let Autumn bold, 
With universal tinge of sober gold, 
Be all about me when I make an end! 
And now at once, adventuresome, I send 
My herald thought into a wilderness: 
There let its trumpet blow, and quickly dress 
My uncertain path with green, that I may speed 
Easily onward, thorough flowers and weed.

20:05
10 settembre 2009


Rose

Ospite

"Una cosa bella è una gioia perenne

la sua grazia aumenta sempre

non si trasformerà in qualcosa di poco valore ma sarà

un quieto rifugio per noi e un sonno

pieno di dolci sogni e salute e un respiro calmo …"

Bisogna tradurre tutto il brano? In fondo, tutto il poemetto (Endymion) di Keats verte sulla bellezza, di cui lui era un cultore, parlando degli amori tra un bellissimo giovane addormentato (Endimione) e la Luna.

Interessanti gli effetti psicosomatici positivi che avrebbe la contemplazione della bellezza: pace interiore, sonni tranquilli, buona respirazione …

Personalmente credo che ci voglia preparazione anche per apprezzare la bellezza (parlo di quella artistica). Una mia conoscente, nell'osservare il David di Michelangelo, vide, scandalizzata, un'unica 'cosa' Surprised

Una notiziola su Keats: l'appartamento dove morì si trova al secondo piano dell'edificio rosa a destra della piazza sottostante: SurprisedSurprised

Attualmente è sede della Keats and Shelley House.

Che dire … questi poeti inglesi avevano buon gusto! Wink

21:34
10 settembre 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

dmk

21:52
10 settembre 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

ragazzi, lo sposto nel topic Inglese? che ne dite?

é bellissimo il poemetto: l' ambientazione agreste, il rifarsi al mito di Endimione e Selene (qui Cynthia) ecc

Keats aveva il culto per la bellezza e le attribuiva qualità salvifiche

Anche nell' Ode sull' urna greca, il verso finale, tanto discusso, recita:

“Beauty is truth, truth beauty,”

that is all/Ye know on earth, and all ye need to know.' 

“Bellezza è verità, verità bellezza”

è tutto ciò che sappiamo e tutto ciò che abbiamo bisogno di sapere.

dmk

22:48
10 settembre 2009


Rose

Ospite

Sai, Daniela, che non mi ero accorta che nella sez. inglese mettessimo anche i classici. Credevo ci fossero solo le nostre, di poesie. Forse, sarebbe più 'appropriato' spostare quei post dei 'grandi' poeti inglesi in questa sezione, piuttosto che Keats di là.

Boh!

 espressione perplessa …

Fai tu, Daniela. Tu sai cos'è meglio. Comunque, la lettura del brano in inglese è stata molto enjoyable e l'animazione abbastanza naturale.

Forse, sarebbe valsa la pena di tradurre tutti i versi portati da Mario …



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 170

Attualmente online:
17 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)