Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

UtenteMessaggio

09:19
11 aprile 2009


franco

Ospite

Lo chiamavano Tarzanetto,

ma nessuno ricordava più il perchè di quel buffo soprannome.

Quando lo conobbi aveva già più di ottant'anni e viveva ormai solo, in una casuccia in pietra, tra le poche abitazioni che formavano il nucleo di Acquapagana, frazioncina rurale presso Cesi.

Mi colpì subito, sin dal primo incontro, la sua estrema, innaturale lentezza nei movimenti. Alternava nel passo quelle corte gambe ad apostrofo, con una cadenza d'una tale misurata e diradata frequenza che mi incantavo spesso a vederlo aggirarsi per quegli ampi spazi, chiedendomi quanto ci avrebbe messo ad attraversare il prato, o, impresa che a quel punto mi appariva impossibile, ad arrivare al poco lontano spaccio per comprarsi le pochissime cose di cui sembrava aver bisogno.

Ogni altro suo movimento si uniformava a questo ritmo che lo faceva sembrare un bradipo, specialmente se accostato al travolgente correre e giocare dei bambini.

Ma lui arrivava sempre a fare quel che c'era da fare, perchè quel suo lento incedere non conosceva sosta. Dall'alba a quando rientrava poi nella sua casa, era in perenne, infaticabile movimento, come un vecchio ma efficiente motore diesel di quegli antichi trattori che si mettevano in moto accendendo un fuoco sotto la loro pancia, ma che una volta partiti non si arrestavano più.

Un giorno mi colpì un suo gesto:.

lo vidi chinarsi, raccogliere un pezzetto di fil di ferro rugginoso, avvolgerselo intorno alla mano e poi, trovato un chiodo sporgente da un trave, appenderlo con cura.
Tutto con lo stesso ritmo, con gesti misurati, come il Sacerdote di un antichissimo rito, fatto di immenso rispetto per le cose.
Era riuscito a dar valore a quel pezzetto di ferro, che ora era altro, era fatica cristallizzata.

In cuor mio cominciai ad amare quel vecchietto, anzi quell'uomo che mi appariva giungere da un tempo remoto di cui rimpiangere un più vero rapporto con le cose e con le priorità dell'esistenza.

 

Poi ci fu il terremoto.

 

Cesi ne fu l'epicentro, Acquapagana subì danni terribili, la splendida basilica romanica ne risultò danneggiata, e anche la casa di Tarzanetto subì la stessa terribile sorte e dovette essere demolita.

Lui fu quindi alloggiato in un conteiner, adibito ad abitazione, ma nel suo sguardo non si riaccese mai più nessuna luce, non lo attraversò più nessun sogno di possibile futuro, non lo interessò più nulla e più nulla innescò quel suo lento, vitale, creativo movimento.

O meglio si, fece ancora una cosa: prese quel fil di ferro, quell'oggetto prezioso che a suo tempo aveva salvato quasi per un presagio inspiegabile e con quei suoi lentissimi ma così esatti gesti lo passò attraverso un occhiello del soffitto, salì su uno sgabello e pose fine alla sua lunga esistenza.

————————————————————————————————————-

 

Ho riesumato questo scritto, perchè, purtroppo, mi è parso tornato tragicamente d'attualità.

Mi scuso ovviamente con quanti l'avessero a suo tempo già letto,

f

13:47
11 aprile 2009


Rose

Ospite

Sì, Franco. Tragicamente attuale il tuo racconto e ottima risposta a tutti quelli che sfruttano le calamità naturali e le disgrazie altrui per fini di demagogia.

La realtà, al di là delle polemiche, è questa: la realtà è la gente, sono le persone, come il tuo amico Tarzanetto che, con la casa, aveva perso il suo mondo e la sua vita, umile, ma piena di dignità.

Grazie per averci proposto questo brano dove si evidenziano, come sempre, la tua bella scrittura e la capacità di cogliere il lato più umano delle persone.

14:52
11 aprile 2009


franco

Ospite

sei davvero molto gentile Rose,

una lettura la tua, che sa cogliere anche l'inespresso e che si fa momento di condivisione.

Grazie delle tue così generose e lusinghiere parole,

ne sono commosso,

f

17:42
11 aprile 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

un personaggio perfettamente delineato nella fisicità, nei gesti che raccontano di lui, del suo stare, del suo mondo. 

Un uomo e il suo "luogo", non importa quanto piccolo esso sia, o quanto modesto: rappresenta il cerchio concluso delle memorie, delle scelte, dell' agio di ritrovarcisi giorno dopo giorno.

E quando "il luogo" svanisce nel niente, l' uomo si perde e non ritrova più  se stesso.

Terribilmente attuale, è vero. Terribilmente vero. Un dramma nella tragedia.

Ti ringrazio, Franco, per questo racconto e per quanto, di umana condivisione, esso sottende.

dmk

18:53
11 aprile 2009


franco

Ospite

grazie Daniela,

per le tue parole "e per quanto, di umana condivisione, esse sottendono".

la tua attenzione mi è davvero e come sempre, molto gradita,

f

22:07
13 aprile 2009


sandra

Ospite

Un tempo, credo che nei paesi ci fosse spazio maggiore per le peculiarità di alcuni e questi 'personaggi' erano rispettati e voluti bene.

Bello il tuo racconto, Franco. Ci fa riflettere su quello che stanno provando le vittime del terremoto. E vadano af..a quel paese quelli che  sguazzano nelle miserie altrui Yell

09:54
14 aprile 2009


franco

Ospite

grazie della condivisione Sandra,

Si, e che quelli che  sguazzano nelle miserie altrui, vadano af…proprio dove li mandi tu. Yell

f

17:07
14 aprile 2009


stella

Ospite

Veramente gradevole ed attuale il tuo racconto.

Mi ha colpito la dignità di questo vecchietto.

La sua capacità di dare un grande valore alle piccole cose.

Quel vecchio fil di ferro assume la dignità di un oggetto prezioso.

Quanto abbiamo perso nella nostra, moderna, corsa consumistica.

Il terremoto riporta tutto alle giuste dimensioni, anche un oggetto piccolo e insignificante diventa indispensabile ………..quando non lo possediamo.

Complimenti,e scusami se non ho il tempo di poterlo analizzare meglio.

  

19:33
14 aprile 2009


franco

Ospite

grazie Stella del tuo giudizio così generoso

ho apprezzato molto la tua gentile condivisione e le tue considerazioni così opportune e lusinghiere.

un caro saluto,

f



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 170

Attualmente online:
21 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)