Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

Festival internazionale del Film di Roma

UtenteMessaggio

22:17
8 ottobre 2010


admin

Amministratore

messaggi3520

Il Festival Internazionale del Film di Roma tornerà dal 28 ottobre al 5 novembre 2010 per la sua quinta edizione.
Come ogni anno, l'Auditorium Parco della Musica sarà il cuore dell'evento.
Sedici saranno i film in concorso nella Selezione ufficiale, di cui quattro italiani:

"Una vita tranquilla" di Claudio Cupellini,

"Io sono con te" di Guido Chiesa,

"La scuola è finita" di Valerio Jalongo

"Gangor" di Italo Spinelli. 

Tra le produzioni provenienti da tutto il mondo vi saranno

"Last night" di Massy Tadjedin e "Rabbit hole" di John Cameron Mitchell,

mentre la sezione Fuori concorso prevede "Crime d'amour" di Alain Corneau, il pilot della serie "Boardwalk Empire", diretto da Martin Scorsese, "Il padre e lo straniero" di Ricky Tognazzi, " Let me in" di Matt Reeves, remake dello svedese "Lasciami entrare", e "The kids are all right" di Lisa Cholodenko, interpretato da Julianne Moore che riceverà anche il Marc' Aurelio all'attore.

dmk

22:29
8 ottobre 2010


Manfredi

Ospite

"Una vita tranquilla": Rosario Russo è un uomo che ha dovuto abbandonare la sua terra e fuggire dal suo passato. Si è rifatto una seconda vita con un'altra identità, un altro lavoro e un'altra famiglia, in un altro paese, sperando che finalmente questo possa essere il corso sereno della sua vita, finché il destino non decide per lui e i nodi vengono al pettine.

"Io sono con Te" racconta la storia di una ragazza vissuta nella Galilea di duemila anni fa: Maria di Nazaret. Grazie a lei, con la nascita del figlio Gesù, si inaugura un nuovo corso nella storia dell'uomo.
Le domande sollevate nel film sono più che mai all'ordine del giorno e riguardano il nascere, il crescere, l'educare i figli, il ruolo della donna nella società, il senso della parola amore, in una prospettiva squisitamente femminile.
Maria è la donna capace di seguire il proprio istinto, esaltato dalla condizione di madre, attraverso un sano equilibrio con la razionalità. 
Anche a costo di sottrarsi alla legge e alla società, come farà poi il figlio. In questo sta la sua importanza e attualità.
Nel suo percorso, Maria è sostenuta dalla presenza discreta di Giuseppe, il patriarca "che si fa da parte", o come vuole l'etimologia del suo nome "aggiunge", rinunciando al primato maschile.

"La scuola é finita": Istituto Pestalozzi, Roma. Una scuola pubblica come tante, dove alunni e professori condividono ormai la stessa noia e lo stesso sfinimento. Ci sono momenti di gioia, però. Alex Donadei li distribuisce a pagamento in pasticche colorate, durante la ricreazione. Ecco perché Alex è così popolare tra i ragazzi e così poco amato dai professori. Fa eccezione la professoressa Daria Quarenghi, che col suo Centro d'ascolto è impegnata in un solitario tentativo di recupero del ragazzo, e il professor Talarico, che una mattina se lo vede affibbiare alla sua classe dalla preside. Non sono due professori modello, Daria e Talarico. E salvare uno come Alex, che la scuola l'ha presa storta da sempre, sarebbe comunque un'impresa quasi impossibile. Come se non bastasse, i due professori entrano in competizione tra loro e si contendono le attenzioni del ragazzo, intessendo con lui un rapporto educativo e affettivo fuori dalle regole, coinvolgendolo nei propri problemi e nelle proprie passioni.

"Gangor": girato tra le città di Purulia e Calcutta, il film – primo caso di coproduzione italo-indiana, con la partecipazione della Bibi Film di Angelo Barbagallo e di Rai Cinema – è tratto dalla novella della scrittrice begalese Mahasweta Devi "Choli Ke Peeche" (Dietro il corsetto) e racconta la storia di un donna tribale, Gangor, il cui seno bellissimo, immortalato da un fotografo che lo renderà famoso, scatena una sequela di soprusi e violenze di cui la giovane sarà vittima. 

"Un ritratto delle contraddizioni dell'India contemporanea, dove anche l'emancipazione può rivelarsi fatale in una società ancora permeata da millenarie tradizioni maschiliste", afferma Spinelli.



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 170

Attualmente online:
7 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)