Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

UtenteMessaggio

23:00
22 gennaio 2010


Elina

Ospite

nata a Buenos Aires, nel 1908, da genitori italiani fu sicuramente una delle grandi interpreti del surrealismo europeo.

La sua pittura esibiva luoghi di frontiera, sospesi tra l'immaginario ed il reale, popolati da creature sensuali e barocche, da sfingi, enigmatici gatti, maschere, conchiglie, ossa e teschi umani.

Un altro tema ricorrente, nelle opere di Leonor, è il "doppio", o meglio il "doppio io", il "sè interiore" in cui fondersi per rinascere.

23:03
22 gennaio 2010


Elina

Ospite

23:14
22 gennaio 2010


Elina

Ospite

veli anni trascorsi

estratti da un baule

addormentato il sogno

e via l'altro

prendono luce

vento li trascina

in nuovi territori

memorie

23:28
22 gennaio 2010


Manfredi

Ospite

17:56
23 gennaio 2010


Elina

Ospite

22:37
23 gennaio 2010


admin

Amministratore

messaggi3520

Grazie, Elina, un video che dà l' idea dello stile personalissimo di questa pittrice.

Le bout du monde, una delle sue opere più conosciute, molto criticata all'epoca, che rappresenta la rigenerazione di un mondo in rovina.

Madonna, grande collezionista d'arte che ha contribuito al rilancio anche di un'altra pittrice del Novecento, Tamara de Lempicka, la cita riprendendone le atmosfere nel suo video "Bedtime Story" del '95. 

dmk

20:43
24 gennaio 2010


Pietro

Ospite

Un mondo tutto al femminile, quello di questa artista (da quanto si può dedurre dal

filmato). Ho trovato alcuni volti molto intensi, ma spesso quegli sguardi scuri e vuoti

sono piuttosto inquietanti.

22:08
24 gennaio 2010


admin

Amministratore

messaggi3520

La realtà, il quotidiano, possono rivelare aspetti strani e meravigliosi. Tutto sta a saper guardare le cose con occhi diversi e niente potrà più sembrarci banale o di facile comprensione.


Leonor Fini

Leonor Fini è ricca e fertile come la natura: pianta nelle sue tele uomini, corpi di donna, fronde vegetali e li serra in groviglio simbiotico…

Jaques Audiberti

Leonor Fini riassume, col suo realismo irreale, tutta quella recente corrente di pensiero per cui ancor più vero del vero è il segno, segno che Leonor arricchisce col suo senso dell'enigma e del tragico.

Jean Cocteau

dmk

22:34
24 gennaio 2010


admin

Amministratore

messaggi3520

Les deux cranes

Nel suo immaginario pittorico entrano le sfingi, personaggi asessuati, guardiane di un mondo visionario e aperto dove regnano il silenzio e la solennità. Spesso si appassiona a oggetti quotidiani che diventano soggetti di quadri deformati, come maschere e scarpe col tacco, colonne, conchiglie osservate sulle rive dell'Adriatico, o crani e ossa che aveva imparato a riprodurre da bambina…

Un altro tema importante è l'amore per il doppio, per il sé riflesso che rappresenta un equilibrio messo in discussione, asimmetrico. “D'un Jour à l'Autre” ci mostra rocce, colonne, chiaroscuri e colori che sembrano messi per caso, personaggi regali e tragici, metamorfosi, tutto come a descrivere qualcosa di magico, un avvenire, una realtà al di là del Surrealismo.  

D'un Jour à l'Autre I

D'un Jour à l'Autre II

dmk



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 170

Attualmente online:
21 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)