Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

UtenteMessaggio

19:05
21 febbraio 2009


franco

Ospite

Questo verbo

che anima l'argilla

del mio esistere,

che mi trae dalla polvere

degli anni consumati,

 

Questo verbo

che risuona dell'eco di un Eden,

smarrito oltre il ricordo,

di un sogno adolescente

 

Questo verbo

che è regno del mio

ultimo dio,

preghiera e grido

d'ogni riposta fibra,

 

Questo verbo che risuona

nel tempio delle mie notti

e mi trae alla sua fonte.

 

Si, questo verbo

parla con la tua voce.

 

Ed è l'unica voce

che perenne ricrea

la mia speranza.

 

f

20:29
21 febbraio 2009


sandra

Ospite

WOW ! Questa poesia mi ha lasciata senza fiato. Surprised

Quando troverò qualcuno che mi dedica dei versi così?

Complimenti, signor Franco… toni accorati, echi vagamente religiosi a stigmatizzare la sacralità, forse, del sentimento.

Invidio la destinataria di questa ode e mi ritiro in buon ordine.

(I giovani di oggi  Confused mica le sanno dire queste cose, uffa!)

20:50
21 febbraio 2009


Rose

Ospite

C'è qualcosa di perentorio in questi versi. un senso di ineluttabilità e di esaltazione. I rimandi biblici paiono quasi una richiesta di benedizione … ma è poi un dio pagano, questo che si impadronisce del cuore di un uomo e lo fa tornare adolescente.

E' una poesia straordinaria, franco.

Ha ragione Sandra: ogni donna dovrebbe, almeno una volta nella vita, sentirsi dire parole come queste.

“Questo verbo che risuona

nel tempio delle mie notti

e mi trae alla sua fonte.

 

Si, questo verbo

parla con la tua voce.

 

Ed è l'unica voce

che perenne ricrea

la mia speranza”

 

01:09
22 febbraio 2009


franco

Ospite

grazie Sandra e grazie anche a te Rose,

Davvero gentili e straordinariamente graditi i vostri lusinghieri commenti.

Non posso che arrossirne con malcelato piacere Embarassed Laugh

f

07:39
22 febbraio 2009


Rose

Ospite

"Questo verbo che risuona

nel tempio delle mie notti"

11:08
22 febbraio 2009


sandra

Ospite

Ma come siamo romantici! Kiss

Ecco, allora tra pardisi edenici e improbabili paradisi surreali, Elton John promette che saremo (Blessed) BENEDETTI e questo ci conforta, nevvero, noi tutti, amanti internettiani?

12:58
22 febbraio 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

Una resa stilistica che, con la ripetizione costante dI "questo verbo", a intervalli regolari, incide intensamente sul significato: un canto d' amore, dettato dall' amore dove ogni singola sfumatura si viene a riassumere ne " l' unica voce" portatrice di speranza in quanto voce dell' amata. Amata su cui si riverbera – e non troppo da lontano – l' aura di una personificazione simbolicamente angelica, comunque ben al di fuori del contesto usuale di un comune procedere quotidiano, in un rapporto di aperto abbandono.

Un lavoro splendido, Franco. Intimo e sentito.

dmk

14:37
22 febbraio 2009


franco

Ospite

un sincero grazie Daniela,

Il tuo è un commento generoso e che mi onora.

f

Ps. Splendidi i brani musicali proposti da Sandra e Rose, un rinnovato grazie anche a loro.

16:29
22 febbraio 2009


Elina

Ospite

"Ed è l'unica voce

che perenne ricrea

la mia speranza."

sono versi splendidi

grazie per averli portati

Elina

19:11
22 febbraio 2009


Gio

Ospite

"Questo verbo che risuona

nel tempio delle mie notti

e mi trae alla sua fonte.

 Si, questo verbo

parla con la tua voce.

 Ed è l'unica voce

che perenne ricrea

la mia speranza."

Franco, una sola parola: meravigliosa…pensando a chi vuoi bene. Grazie per queste tue "vere" parole…vorrei tanto farle mie.

gio

20:38
22 febbraio 2009


franco

Ospite

anche a voi, Elina e Giò

il mio grazie più sincero.

Una lettura e un'attenzione che mi rende particolarmente felice.

f

21:14
22 febbraio 2009


Filippo

Ospite

è una poesia dell'amore universale. Ritorno un po' ad uno degli argomenti postati giorni fa:  come si legge una poesia.

Io non so (e ritengo assolutamente non importante… sapere) di chi sia la voce del verbo, ma è sicuramente una voce d'amore, che può arrivare da un' amica, una compagna, una madre, una figlia (il "femminile" è in contrapposizione all'autore, ovviamente, ma è un concetto che esula dal sesso). E aggiungo inoltre, e quasi paradossalmente, che non è neanche importante sapere se la voce sia veramente d'amore: l'importante è che venga recepita e respirata come tale. Franco è riuscito a recepirla e trasmetterla, quasi a farcela udire.

Bravo. Complimenti.

21:59
22 febbraio 2009


franco

Ospite

Filippo,

trovo le tue considerazioni in totale sintonia,

Un graditissimo apprezzamento.

Grazie.

14:15
23 febbraio 2009


stella

Ospite

Questo verbo

che anima l'argilla

del mio esistere,

che mi trae dalla polvere

degli anni consumati,

La grandezza e la forza dell'amore da cui trarre il senso dell'esistenza.

L'amore che eleva dalla miserabile quotidianità dell'esistere e che riscatta, il vuoto del tempo passato ad aspettarlo.

E poi………….hanno già scritto tutto gli altri.!!

Grazie per questo bel dono Franco.

stella

19:16
24 febbraio 2009


franco

Ospite

grazie a te Stella.

Delle gentili parole e dell'attenzione.

Sei tu, immagino nell'avatar,

Hai davvero un bel viso e un'espressione che suggerisce dolcezza ma anche franchezza,  e generosità.

Senza retorica, credimi, ma con amicizia cordiale e sincera,

f



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 331

Attualmente online:
20 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)