Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

Livro do desassossego per Bernardo Soares

UtenteMessaggio

22:40
27 marzo 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

Cheguei hoje, de repente, a uma sensação absurda e justa. Reparei num relampago intimo, que não sou ninguem. Ninguem, absolutamente ninguem. [...]
Não sou ninguem, ninguem. Não sei sentir, não sei pensar, não sei querer. Sou uma figura de romance por escrever, passando aerea, e desfeita sem ter sido, entre os sonhos de quem me não soube completar.

È arrivata oggi, d'impulso, una sensazione assurda e giusta. Ho capito in un baleno intimo, che non sono nessuno. Nessuno, assolutamente nessuno. [...]
Non sono nessuno, nessuno. Non so sentire, non so pensare, non so volere. Sono un personaggio di un romanzo da scrivere, che passa aereo e disfatto senza realtà, tra i sogni di chi non ha saputo completarmi.

Todos temos o patrão Vasques, para uns vivivel, para outros invisivel. Para mim chama-se realmente Vasques e é un hombre [...]. Para outros será a vaidade, a ansia de maior riqueza, a gloria, a immortalidade…

Tutti abbiamo un padrone Vasques, per gli uni visibile, per gli altri invisibile. Per me si chiama realmente Vasques ed è un uomo [...]. Per altri sarà la vanità. l'ansia di maggior ricchezza, la gloria, l'immortalità….

Si tratta, nelle parole dell'autore, di un' “Autobiografia senza fatti”, raccontata dal contabile Bernardo Soares, il quale lavora in un ufficio al quarto piano di Rua dos Douradores, nella Baixa di Lisbona.

Il libro rappresenta un enigma all'interno dell'opera di Fernando Pessoa, poiché fu scritto in forma di brevi frammenti durante quasi tutta la vita letteraria dello scrittore, tra il 1913 ed il 1935. Sebbene Pessoa lo menzionasse sempre con enfasi, non riuscì a farne un libro vero e proprio. Solo negli anni '80 un gruppo di ricercatori riunì i pezzi dell'opera – sparsi in quaderni, fogli sciolti, ecc. – nel Libro dell'Inquietudine.

il “Livro do dosessossego” fa comprendere che tutti abbiamo una rua Dos Douradores, un Vasques (reale o da noi stessi imposto), un ufficio o una fabbrica dove andare, e anche se non dobbiamo timbrare realmente un cartellino, la sostanza non cambia.

dmk

14:15
28 marzo 2009


Rose

Ospite

Mi sento multiplo. Sono come una stanza dagli innumerevoli specchi fantastici che distorcono in riflessi falsi un’unica interiore realta’ che non e’ in nessuno ed e’ in tutti.”

(da “Appunti sparsi”)
..
Mi sono moltiplicato per sentire,
per sentirmi, ho dovuto sentire tutto,
sono straripato, non ho fatto altro che traboccarmi,
e in ogni angolo della mia anima c’e’ un altare a un dio differente
.”

(da “Passaggio delle ore”)
..
Ognuno di noi e’ piu’ di uno, e’ molti, e’ una prolissita’ di se stesso.”

( da “Il libro dell’Inquietudine” )

23:24
1 luglio 2009


fernirosso

Ospite

quel libro, Il libro dell'inquietudine, è una raccolta che leggo ancora e, penso, tornerò a leggere finché non riuscirò, leggendolo, a restare come l'acqua, quando solo la sfiora il vento, senza muoverne le profondità. E' un libro con cui mi alleno, a questo genere di esercizio, guardando bene in faccia, in me, le passioni che più hanno avuto voce in capitolo, nei capitoli della mia vita. f



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 170

Attualmente online:
11 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)