Forum

 
Questo forum é per il momento chiuso – l'accesso é di sola lettura
Devi avere effettuato il login per poter inviare un messaggio
Cerca nei forum:


 






Utilizzo wildcard:
*    corrisponde ogni numero di caratteri
%    corrisponde esattamente un solo carattere

Un confronto apparentemente improbabile

UtenteMessaggio

18:40
7 febbraio 2009


Rose

Ospite

Ho voluto mettere in relazione il vitalismo panico di Gabriele D’Annunzio e la pittura impressionista di Monet. Due vite, quella di D’Annunzio e quella di Monet, in realtà diversissime tra loro: il primo, interamente preso dalla costruzione del suo “personaggio”, un esteta trasgressivo e affascinante, che ama vivere nel lusso e nella notorietà, tra salotti mondani, avventure galanti, imprese militari eclatanti quanto inutili;

il secondo, Monet, è un artista francese, figlio della Parigi del suo tempo, una Parigi borghese e imprenditoriale, sospesa, dal punto di vista artistico, tra una produzione ancora di tipo accademico e le nuove tendenze.

 Due mondi quindi diversissimi, in cui tuttavia è possibile isolare una volontà di rompere formalmente con il passato e un atteggiamento almeno in parte simile nei confronti dell’arte e della natura.

Prescindendo da tutto il contesto mondano ed esibizionistico di D’Annunzio, possiamo dire che la poesia, la sua poesia è ciò che ha resistito al tempo e lo riscatta. Specialmente la raccolta di “ALCYONE” è originalissima e segna proprio il confine tra vecchio e nuovo nella poesia italiana.

D’Annunzio scardina tutte le forme della poesia e usa il verso libero, un fluire libero e concitato, con rime ricorrenti, ma senza schemi prefissati, con molte assonanze e versi di una sola parola.

Inoltre c’è questa dimensione panica, questo concepire la vita come una sorta di fluido, di musica continua. La natura è vista come un fluire continuo, dove l’io si fonde con il tutto.

E’ una poesia fatta di sensazioni. Attraverso una sorta di esaltazione dei sensi, si percepiscono le voci della natura e dilatando queste percezioni, si diventa parte della natura stessa.

 

 

Come D’Annunzio rivoluziona tutte le forme della poesia, così Monet e gli Impressionisti si oppongono all’accademismo e alla cultura ufficiale.

Rifuggono gli atelier e dipingono “en plein air”, perché la realtà è un continuo divenire e bisogna cogliere le sensazioni, le impressioni appunto della luce, dell’acqua, dei colori e riprodurli velocemente, senza un disegno, senza bisogno di prospettiva.

In certi periodi Monet si isolava per dipingere completamente immerso nella natura e nelle sensazioni che essa gli suscitava. Dal suo battello, dipingeva il fluire dell'acqua.

 

 

 La luce è la vera protagonista dei suoi quadri, è la luce che determina l’immediatezza, l’attimo fuggente, la sensazione di un istante.

 Proprio per il suo senso di mobilità, l’acqua è un soggetto ricorrente. Sono aboliti i forti contrasti. Le pennellate veloci creano contrasti simultanei  che si fondono sulla nostra retina in modo più intenso e brillante.

 L’arte di Monet non richiede interpretazioni filosofiche, ma appare immediata ai nostri occhi. I suoi quadri non vanno capiti, ma solo goduti.

Allo stesso modo certe poesie di D’Annunzio non hanno una struttura logica, non richiedono interpretazioni; sono solo molto piacevoli e musicali, da godere semplicemente nella lettura.

Monet si era fatto costruire nel suo giardino uno stagno di ninfee e un ponte giapponese. C’è un’atmosfera fiabesca in questo intrico di rami e in questa luce verdastra, punteggiata qua e là dai fiori. Possiamo facilmente immaginare D’Annunzio e la sua Ermione immersi in questo verde.

Fino alla fine della sua vita, quasi cieco e afflitto da un male incurabile, Monet continuò a dipingere le ninfee del suo giardino.

A proposito di queste, Monet ha scritto:

 “Ho dipinto molte ninfee, cambiando sempre punto di osservazione, modificandole a seconda delle stagione dell’anno e adattandole ai diversi effetti di luce che il mutar delle stagioni crea. E naturalmente, l’effetto cambia costantemente, non soltanto da una stagione all’altra, ma anche da un minuto all’altro, poiché i fiori acquatici sono ben lungi da essere l’intero spettacolo, in realtà sono solo il suo accompagnamento.

L’elemento base è lo specchio d’acqua, il cui aspetto muta ogni istante per come brandelli di cielo vi si riflettono, conferendogli vita e movimento.

Cogliere l’attimo fuggente, o almeno la sensazione che lascia, è già sufficientemente difficile quando il gioco di luce e colore si concentra su un punto fisso, ma l’acqua è un soggetto mobile e in continuo mutamento… Un uomo può dedicare una vita ad un’opera simile”.

  

 “Io dipingo come un uccello canta” amava dire di sé Monet, sottolineando come per lui la pittura non fosse una semplice attività artistica, ma una vera e propria esigenza interiore.

 Quello che fu il pennello per Monet è la parola per D’Annunzio, cioè uno strumento di grande virtuosismo.

Pur essendo come abbiamo visto due artisti molto diversi, in comune hanno la capacità di rendere l’immediatezza delle proprie emozioni e percezioni e questo calarsi nella natura e divenirne parte.

 

22:03
7 febbraio 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

trovo davvero valido il tuo post, Rose: una buona riflessione sui due artisti, cercando e trovando, nella loro diversità, l' elemento comune ad entrambi. Personalmente adoro Monet e le sue ninfee e inoltre mi ha fatto un grandissimo piacere sentirti parlare di "naturalità".

L' amore e l' osservazione del mondo naturale, la compenetrazione con la natura, il sentirsene parte inscindibile sono uno stato mentale, un modo d' essere, una modalità di vita.

Autoritratto, 1917

« Monet non è che un occhio ma, buon Dio, che occhio! »
 
(Cezanne)

dmk

22:27
7 febbraio 2009


Rose

Ospite

Grazie, daniela. Sei sempre incoraggiante. Anch'io amo Monet. Kiss

23:13
10 febbraio 2009


sandra

Ospite

Ecco, zia Rose, questo, per il mio carettere è un pezzo un po' lungo …

L'hai proprio tirato per i capelli e la barba il povero Monet, per metterlo vicino a quello spocchioso del vate della patria Confused

Giusto La pioggia nel pineto, salverei, dei suoi lavori.

Di Monet, mi piacciono le ultime ninfee che dipingeva a memoria, perchè ormai non ci vedeva quasi più. Macchie di colore solamente.

21:14
11 febbraio 2009


Rose

Ospite

Grazie sandra, per avermi letta, malgrado la lunghezza Confused

Sì, Monet l'ho tirato per la barba (almeno, dall'autoritratto postato da daniela) non sembra avere molti capelli. Ciao! Smile

01:32
24 febbraio 2009


virginia

Ospite

Concordo, naturalmente, Rose. D'Annunzio esponente Italiano del decadentismo, con Pascoli, anche se io, sinceramente, questi due poeti, peraltro diversi tra loro, non li ho mai 'allineati' in questa corrente letteraria nella pura accezione del termine, dato Laughche aveva altri riferimenti quando si è fatta largo nella cultura Europea. D'Annunzio era un artista completo, eclettico, ha saputo vivere il suo tempo adattandosi alle esigenze culturali della società Italiana, ha scritto di tutto, dalla poesia alla narrativa, saggistica e opere teatrali, per la gioia della Duse e delle attrici che poi hanno interpretato i vari ruoli dei suoi personaggi. In quello che ha scritto c'è tantissimo della sua vita, certo piena di folgorazioni intellettuali e mondanità, ma anche drammi.

Ecco, sono arrivata, come Alice nel paese delle meraviglie, sono in ritardo, in ritardissimo!!, e me ne scuso. Un saluto a tutti

Virginia

14:05
24 febbraio 2009


Rose

Ospite

Ciao, Virginia! Grazie e benvenuta tra noi. Smile

14:48
24 febbraio 2009


stella

Ospite

Le ombre colorate di Monet determinano esattamente

il momento della giornata in cui il pittore ha trasferito

 su tela il paesaggio. 

Un colorato benvenuto a Virginia

stella

15:32
24 febbraio 2009


sandra

Ospite

BENVENUTA VIRGINIA !!!

16:00
24 febbraio 2009


Gio

Ospite

Benvenuta Virginia…con un'opera del grande Monet

…spero che l'abbinamento possa piacerti Wink

Gio

17:18
24 febbraio 2009


Elina

Ospite

un post davvero interessante, grazie Rose

ricordo la mostra a Brescia su Monet (era il 2004?), in particolare l'ultima sezione Monet e il riflesso capovolto composta da un'unica opera I Glicini, dipinto di Monet ottantenne

saluti a tutti, Elina

18:49
24 febbraio 2009


admin

Amministratore

messaggi3520

Ciao, Virginia e benvenuta!Laugh

dmk

22:16
27 febbraio 2009


virginia

Ospite

Carissimi, il mio grazie sincero per il vostro gradito benvenuto!!

VirginiaSurprised

22:25
27 febbraio 2009


Rose

Ospite

Virgie, cara, è un piacere per noi averti qui. Posso approfittarne per ringraziarti del generoso commento sull'altro sito? Kiss

Posta qualcosa da noi, cara: poesie, brani di prosa … quello che preferisci. Smile



Info per il forum daniela manzini kuschnig' s weblog

Il più alto numero di utenti in linea: 783

Attualmente online:
6 Ospiti

Sta visualizzando Argomento:
1 Ospite

Statistiche del forum:

Gruppi:6
Forum:17
Argomenti:1657
Messaggi: 13100

Utenti attivi:

Hanno partecipato 31 ospiti

E' presente 1 amministratore

I più attivi:

Amministratori:admin (3520 Messaggi)